DOMENICA 20 NOVEMBRE 2016

16 novembre 2016 | 0 commenti

I contenuti, anzi i misteri principali della nostra fede, rivelata da Gesù
-       Unità e Trinità di Dio. Dio è l’essere eterno di totale perfezione creatore
del cielo e della terra. Dio è uno solo in tre persone uguali e distinte Padre,
Figlio e Spirito Santo che sono la Santissima Trinità.
-       Incarnazione, passione, morte e risurrezione di Gesù Cristo. Egli è il Figlio
di Dio che si è fatto uomo, che ci ha rivelato Dio Padre, che è morto per la
nostra salvezza; è risorto da morte ed è asceso al cielo, lasciandoci in dono
perenne l’eucaristia e gli altri sacramenti. Nella Pentecoste è stato effuso su
di noi lo Spirito Santo che ci ha dato la fede, la speranza e la carità. L’uomo,
creato a immagine di Dio, è fatto di anima e di corpo. L’anima dell’uomo non
muore con il corpo, ma vive in eterno.
Questi concetti li apprendiamo e continueremo a impararli a poco a poco dal
nuovo testamento. Il primo messaggio fondamentale è il prologo del vangelo di
San Giovanni Apostolo.
“In principio c’era colui che è LA PAROLA. Egli era con Dio, Egli era Dio. Per
mezzo di lui sono state create tutte le cose. Egli è la vita e la vita è la luce
per gli uomini”.
Avvicinandoci a Natale, con l’avvento proseguiamo nell’ascolto di questo testo
meraviglioso: “La luce vera, colui che illumina ogni uomo, stava per venire nel
mondo. Il mondo è stato fatto per mezzo di Lui, ma il mondo non l’ha
riconosciuto. Alcuni però hanno creduto in lui, e a questi Dio ha fatto il dono
di diventare suoi figli. Colui che in eterno è LA PAROLA, è diventato un uomo, è
vissuto in mezzo a noi uomini, e noi abbiamo visto e contemplato il suo
splendore divino.
Le letture di queste domeniche di avvento ricordano in particolare la
predicazione di Giovanni il Battista e gli ultimi discorsi di Gesù fatti con i
suoi apostoli nel cortile del tempio di Gerusalemme, poco prima della sua
passione. Il Signore annuncia che verranno falsi cristi e falsi profeti e
preannuncia la distruzione di Gerusalemme che avverrà ad opera dei romani circa
quarantanni dopo. Accenna anche in modo misterioso, alla fine del mondo e al suo
ritorno glorioso. Però San Paolo ci raccomanda nella sua seconda lettera ai
cristiani di Tessalonica, quanto segue: “Fratelli, per ciò che riguarda il
ritorno del nostro Signore e Dio Gesù Cristo e il nostro incontro con Lui, vi
raccomando di non lasciarvi confondere le idee da chi dice che il giorno del
Signore è vicino o addirittura è già presente. Non credete dunque a queste
affermazioni che dicono provenire anche da me. Non è vero! Non lasciatevi
imbrogliare da nessuno”.
Mi sembra che, pur nella nostra modestia di una breve riflessione una volta alla
settimana, stiamo cominciando a ripassare la nostra fede. Che questo ci sia di
aiuto nella vita quotidiana.
Un abbraccio, Ferruccio
Basiglio, 16 novembre 2016

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento